Tag Archives: bioedilizia

Il PROGETTO non conta NIENTE!

Tutti sanno che non importa avere un buon progetto per fare una buona ristrutturazione. E’ risaputo che un qualunque individuo senza una laurea e senza competenza specifiche sia tranquillamente in grado di improvvisare come per magia sul posto e di realizzare qualunque cosa desideri il Committente senza seguire IL PROGETTO.

mago-otelma

Anche l’uomo della strada sa che un Impiantista serve solo per “firmare una Legge 10″ e non per fare un vero progetto integrato col progetto architettonico e delle strutture e che ancora meno importa che sia tutto coerente ed eseguito secondo la perfetta regola dell’arte.

P10_PinoCostruzioni-LottoC9

E’ normale chiamare l’Architetto solo per farsi dare due consigli estetici, del resto si sa che gli Architetti badano a tutto fuorchè alla funzionalità, pertanto meglio fidarsi del consiglio del muratore!

cantiere-2016-fondazioni-loggiato-san-giovanni-valdarno

Se  la pensi così per favore esci immediatamente da questo sito e non contattarci mai.

QUI CREDIAMO CHE IL PROGETTO SIA DI FONDAMENTALE IMPORTANZA per la buona realizzazione del lavoro e che debba essere un PROGETTO ARCHITETTONICO INTEGRATO in cui le soluzioni più valide nascono dall’unione del miglior progetto architettonico e strutturale, che sia efficiente e funzionale e sia nato dal dialogo di diverse competenze e professionalità messe al servizio del nostro prezioso Committente.

2016-12-16 16.53.21

Se anche tu credi nell‘importanza del progetto chiamaci per un primo appuntamento conoscitivo in Studio: 338 2992899 – studio@rachelebiancalani.com

UMIDITA IN CASA? Ecco la soluzione DEFINITIVA!

All’interno di un’abitazione, escludendo fenomeni di risalita e danni agli impianti, il principale fattore scatenante che porta alti valori di umidità in prossimità delle pareti è dovuto ai così detti “PONTI TEMICI”, ovvero i punti in cui ci elevate dispersioni dei nodi strutturali che portano spesso anche fenomeni di condense superficiali.

Stratigrafie

Cottura dei cibi, igiene personale, attività fisica, sono tutte attività che favoriscono all’interno delle nostre abitazioni valori prossimi al 60/70 % di UMIDITA’.

umidita_casa

Il primo passo verso la risoluzione consiste nel prendere consapevolezza dei propri ambienti.

Immagina un auto senza cruscotto, quali sarebbero le conseguenze durante la guida? Non rispetto dei limiti, frequenti fuorigiri del motore, problemi di carburante..ecc.

Una piccola stazione meteo da pochi euro permette di avere consapevolezza totale nella gestione dei propri ambienti e ci permette di capire quando è il momento di aprire le finestre.

 bar208_w

Un altro passo altrettanto importante consiste nell’innalzare le temperature delle pareti “fredde” per allontanare il rischio di condense superficiali. COME?

architettura bioarchitettura architetti valdarno

Lo scoprirai nel prossimo post se vorrai seguirmi.

Nel frattempo per domande, approfondimenti o consulenze contattami a: Alessio Agnoletti alessio@rachelebiancalani.com

ARCHITETTO ho la MUFFA sui MURI!!!

Spesso vengo contattato per problematiche relative a muffe ed umidità generalizzata negli ambienti, anche in edifici di recente costruzione che apparentemente non dovrebbero esserne afflitti

Frau mit Schimmel und Händen an Ohren

Questo tipo di problemi deriva frequentemente da una cattiva inconsapevole gestione della “macchina casa” che invece per le sue caratteristiche non permette questo tipo di disattenzioni

2017-02-03 (8)

I fenomeni che portano alla proliferazione delle muffe sono dati da un insieme di più fattori. Quando su una superficie si supera l’80% di umidità relativa per più giorni consecutivi si innesca la proliferazione di questi funghi pluricellulari che successivamente si riproducono

2017-02-03 (3)

per mezzo di spore. Queste ultime normalmente causano problemi di salubrità e scatenano allergie per gli occupanti. Se soffri di asma o hai bambini in casa dovresti stare particolarmente attento ad evitare questo tipo di problematiche!

 asma-696x392

Se vuoi sapere come risolvo definitivamente questi problemi nelle abitazioni dei miei clienti segui i prossimi post sull’argomento e/o contattami in privato per una consulenza:

Architetto Alessio Agnoletti alessio@rachelebiancalani.com

Casa BELLA o Casa SANA?

Se il concetto di BELLO è relativo il concetto di SANO lo è molto meno anche se quando si parla di “CASA SANA” si apre ai nostri occhi un mondo intero… architettura bioarchitettura architetti valdarno SANO= in buona salute, che giova alla salute, privo di difetti Tre caratteristiche che tutti vorrebbero per la propria abitazione e per quella in cui far crescere (sani) i propri figli. parquet-industriale-bamboo Tu vuoi anche che la tua casa sia BELLA perchè non va sottovalutata l’importanza del FATTORE ESTETICO soprattutto per ciò che riguarda l’ABITARE… dunque, come puoi fare? Come COMBINARE le due cose ovvero CASA SANA + CASA BELLA? schizzo-scala-gradini-esploso-72Rivolgiti ad uno Studio di Architettura e Interior Design specializzato in Architettura Bioclimatica come il nostro! PER INFO: studio@rachelebiancalani.com – tel.338 2992899 – Via Don Sturzo 11A San Giovanni Valdarno (AR)

CARTONGESSO: ODI ET AMO

Oggi voglio spezzare una lancia a favore di un sistema costruttivo a secco come il CARTONGESSO che negli ultimi anni si è molto evoluto fino ad entrare di prepotenza nei progetti residenziali più all’avanguardia per sostituire il sorpassato (e sopravvalutato) mattone.

minimal-sala-1_1

Siamo abituati a vedere il cartongesso nelle, scuole, negli uffici… Pensiamo che sia esile, poco stabile, per niente resistente all’acqua o al fuoco e che lasci passare tutti i rumori del mondo.

ERRORE – ERRORE – ERRORE – ERRORE – ERRORE – ERRORE

16-BATH

La STABILITA’, la RESISTENZA e la TRASMISSIONE DEI SUONI delle strutture in cartongesso dipendono non solo dalla struttura interna ma anche dal numero di pannelli avvitati alla struttura stessa. Ci sono pareti in cartongesso con isolante interno e a doppia lastra che hanno prestanzioni molto più alte per quanto riguarda l’isolamento acustico rispetto alla tradizionale foratella in laterizio.

wip-cartongesso-idrdofugo-rachele-biancalani

Esiste inoltre il CARTONGESSO IGNIFUGO (ma il gesso è tutto ignifugo), cretificato per pareti REI che qualcuno richiede erroneamente anche per la realizzazione dei caminetti ed il CARTONGESSO IDROFUGO speciale per ambienti umidi come il bagno.

arredamento-studio-san-giovanni-architettura-interni-ristrutturazioni-rachele-biancalani-first-love-valdarno-2

Nella BIOEDILIZIA, tema a me molto caro fin dai suoi esordi, spesso vengono usati sitemi a secco come le pareti divisorie in cartongesso. Questo offre il vantaggio per esempio di non dover “rompere” la parete appena fatta per far passare gli impianti e di essere subito asciutto e “pronto” una volta stuccato a regola d’arte.

Non per questo amo utilizzarlo senza misura… al contrario ritengo che strutture come controsoffitti e velette vadano dosate con molta parsimonia.

COMING-SOON-1-CROP

COL CARTONGESSO bisogna stare molto attenti perchè E’ FACILE ESAGERARE… e non c’è niente di più brutto di vedere abitazioni che sembrano gelaterie e gelaterie che sembrano astronavi.

Come usare il cartongesso nel tuo caso? Contattami e lo scoprirari con un progetto ponderato su misura per te: studio@rachelebiancalani.com – tel. 338 299 2899