Tag Archives: progettista

Andando dall’Architetto si risparmia?

Da qualche tempo non scrivo un post perché tra il lavoro sempre molto impegnativo nei cantieri, incontri coi clienti, visite in negozi e showroom, progettazione e ore perse negli uffici comunali le giornate passano  in fretta. Inoltre da circa sei mesi, esattamente dal 14 Luglio 2017 , data dell’insediamento, sono diventata un membro del Consiglio dell’Ordine degli Architetti PPC della mia Provincia, quella di Arezzo e questo implica tutta una serie di attività (pro bono) non indifferente a scadenza settimanale.

Oltre a tediarvi con la mia quotidianità ho pensato fosse NECESSARIO scrivere questo post perché proprio in questo periodo ho fatto risparmiare talmente tanti soldi ai miei Clienti che volevo dirlo a tutti: INGAGGIANDO UNO STUDIO DI ARCHITETTURA SI RISPARMIANO UN SACCO DI SOLDI!

1-Architetto-inforgrafica-striscia

Che si tratti di progettare LA VILLA DELLA VITA o di ristrutturare una seconda casa, tutti vorrebbero AVERE IL MASSIMO SPENDENDO IL MINIMO. Ed ecco che entra in gioco il ruolo del Progettista che se fa bene il suo lavoro farà risparmiare al suo cliente un bel gruzzoletto…

2-3-Architetto-inforgrafica-striscia

Non solo perché i lavori vengono PENSATI, ponderati e valutati prima di iniziarli pianificandoli al meglio e decidendo bene dove investire il nostro budget, ma anche perché un Professionista che  opera nel settore da anni conosce i canali migliori con i quali far risparmiare diversi soldi ai propri Clienti.

4-Architetto-inforgrafica-striscia

Dopo 12 anni di lavoro nel settore e un’ottima conoscenza del mio territorio adottivo, il Valdarno, sono in grado di portare il Cliente nel negozio giusto per lui, di proporre i materiali con il miglior rapporto qualità prezzo, sporadicamente di fargli acquistare online o in un grande magazzino quello o l’altro prodotto con un risparmio davvero notevole alla fine dei lavori.

5-Architetto-inforgrafica-striscia

A volte ho dei clienti che vogliono acquistare TUTTO ONLINE e riguardo questo argomento sono invece DEL TUTTO CONTRARIA… alcuni prodotti vanno TOCCATI, SENTITI, SOPPESATI e soprattutto non si può prescindere dal rapporto umano tra un fornitore di cui ci si può fidare e uno shop online… però anche per questo ci sono delle ottime eccezioni!

Volete che vi aiuti a risparmiare nella vostra prossima ristrutturazione?

INGAGGIATEMI: 338 2992899 – studio@rachelebiancalani.com

Furbetti del web e non solo

ATTENZIONE:
SEGUE POST LUNGO E LEGGERMENTE POLEMICO
!!!consigliato ai soli addetti ai lavori!!!
________________________________________________________________________
A volte si dimentica che esiste una Legge (Legge 22 aprile 1941 n. 633) che Tutela il Diritto d’Autore che è strettamente connesso alle Opere frutto dell’Ingegno quali l’Architettura e le Arti. Questa legge tutela espressamente i disegni e i progetti di Architettura che restano di esclusiva proprietà del Progettista stesso che ne detiene tutti i Diritti.
proprietà-intellettuale
Il Progettista è inoltre l’unico che può Pubblicare l’opera o mostrarla a terzi.
Stampare ed esporre gli altrui progetti nel proprio ufficio lasciando implicitamente intendere che quell’opera è stata progettata da chi lavora in quell’ufficio  equivale, a parer mio, ad una violazione di questa Legge.
Per lo stesso principio appropiarsi delle immagini frutto del lavoro di un Progettista e pubblicarle sulla propria Pagina Facebook (o su altri Social) senza chiedere il permesso nè fare alcun riferimento al Progettista stesso equivale di nuovo ad una violazione di questa Legge.
Lo stesso dicasi per le foto su Istagram e gli altri canali; soprattutto quando è palese l’intenzione di creare confusione nello spettatore riguardo la paternità (o maternità) dell’opera.
Inoltre è assimilabile al principio della concorrenza sleale perchè si cerca di far passare per proprio il frutto del lavoro dell’altrui intelletto.
Personalmente trovo molto sgradevole anche la ditta, il marchio, il negozio o l’artigiano che pubblica le foto di un lavoro da lui (soltanto) eseguito o venduto e non cita il Progettista dell’Opera.
Questo atteggiamento non solo è sintomo di poca lungimiranza (architetti e ditte collaborano tutti i giorni e ci dovrebbero essere rapporti costruttivi tra le parti) ma lede tutta la categoria dei Progettisti e fa sembrare secondaria l’importanza chiave del Progetto Architettonico, di Interni o di Design.
Imparare a comportarsi correttamente significa anche rispettare la legge.

CARTONGESSO: ODI ET AMO

Oggi voglio spezzare una lancia a favore di un sistema costruttivo a secco come il CARTONGESSO che negli ultimi anni si è molto evoluto fino ad entrare di prepotenza nei progetti residenziali più all’avanguardia per sostituire il sorpassato (e sopravvalutato) mattone.

minimal-sala-1_1

Siamo abituati a vedere il cartongesso nelle, scuole, negli uffici… Pensiamo che sia esile, poco stabile, per niente resistente all’acqua o al fuoco e che lasci passare tutti i rumori del mondo.

ERRORE – ERRORE – ERRORE – ERRORE – ERRORE – ERRORE

16-BATH

La STABILITA’, la RESISTENZA e la TRASMISSIONE DEI SUONI delle strutture in cartongesso dipendono non solo dalla struttura interna ma anche dal numero di pannelli avvitati alla struttura stessa. Ci sono pareti in cartongesso con isolante interno e a doppia lastra che hanno prestanzioni molto più alte per quanto riguarda l’isolamento acustico rispetto alla tradizionale foratella in laterizio.

wip-cartongesso-idrdofugo-rachele-biancalani

Esiste inoltre il CARTONGESSO IGNIFUGO (ma il gesso è tutto ignifugo), cretificato per pareti REI che qualcuno richiede erroneamente anche per la realizzazione dei caminetti ed il CARTONGESSO IDROFUGO speciale per ambienti umidi come il bagno.

arredamento-studio-san-giovanni-architettura-interni-ristrutturazioni-rachele-biancalani-first-love-valdarno-2

Nella BIOEDILIZIA, tema a me molto caro fin dai suoi esordi, spesso vengono usati sitemi a secco come le pareti divisorie in cartongesso. Questo offre il vantaggio per esempio di non dover “rompere” la parete appena fatta per far passare gli impianti e di essere subito asciutto e “pronto” una volta stuccato a regola d’arte.

Non per questo amo utilizzarlo senza misura… al contrario ritengo che strutture come controsoffitti e velette vadano dosate con molta parsimonia.

COMING-SOON-1-CROP

COL CARTONGESSO bisogna stare molto attenti perchè E’ FACILE ESAGERARE… e non c’è niente di più brutto di vedere abitazioni che sembrano gelaterie e gelaterie che sembrano astronavi.

Come usare il cartongesso nel tuo caso? Contattami e lo scoprirari con un progetto ponderato su misura per te: studio@rachelebiancalani.com – tel. 338 299 2899